IoAtelierFiltroWeb1.jpg

ART come Ascolta, Racconta, Trasmetti

Giada Bianchi, classe 1974, è un’artista svizzera che indaga sull’identità umana derivata dall'esperienza stimolando la ricezione di messaggi vocali attraverso internet, da cui si lascia in seguito ispirare per la creazione dei dipinti. Artista, giornalista e fotografa, la sua ricerca affronta gli effetti della comunicazione attraverso l’immagine e la parola, osservando lo sviluppo delle dinamiche di pensiero sia sui social network che nelle comunità di appartenenza.

La presa di coscienza della propria unicità con conseguente riconoscimento di ogni diversità, l’esperienza della bellezza come cammino verso la piena realizzazione del sé, la possibilità di trasformazione insita nella condivisione, l’agire per dimostrare di essere, la divulgazione della propria esperienza come punto di incontro fra esistenze e l’interazione fra diverse espressioni artistiche sono fra i principali elementi su cui si appoggia il suo concetto di trasmissione orale pittorica dei #ritrattinarrativi.

Attualmente Giada Bianchi vive e lavora a St. Moritz, collabora con testate giornalistiche ed enti radiofoniche, mantiene costantemente aggiornati il blog e i profili social cercando di promuovere una visione complementare della quotidianità attraverso la presenza. I suoi quadri sono stati esposti in diverse gallerie accompagnati dai file audio che li hanno generati, mentre il suo progetto artistico continua a raccogliere partecipazioni da persone di ogni genere, età e realtà.

Progetto artistico Ritratti Narrativi

Nella creazione di dipinti l'artista pone alla base del processo creativo l’incontro fra persone scaturito dalla condivisione. L'intero progetto dei #ritrattinarrativi ha lo scopo di sensibilizzare sui valori dell’identità, della condivisione e dell’azione attraverso la presenza, il tutto promuovendo la contemplazione (osservazione priva di volere e giudizio), la bellezza come percorso verso la pienezza (in contrapposizione alla bellezza oggi così manipolata dal mercato dell’estetica e del potere) e il riconoscimento della proprio valore storico e culturale affinché ci si possa avvicinare senza timore a quello altrui.

Tutto ciò viene svolto proprio laddove oggi identità, bellezza, cultura e condivisione sono maggiormente evidenziati ma forse meno approfonditi, e cioè sui social network.

Attraverso delle call to action viene chiesto alle persone di inviare, tramite applicazioni di messaggistica istantanea, delle brevi testimonianze audio scaturite da un elemento generatore comune (a volte un’immagine, altre una tematica), dal cui ascolto nascono in seguito dipinti testimoni di confronti fra unicità che si sono riconosciute in loro stesse, offrendo quindi la possibilità a qualsiasi diversità di essere considerata e accolta. 

Il risultato pittorico finale risulta così essere sia metafora delle esistenze raccontate che testimone di un incontro avvenuto fra molteplici unicità, simbolo supremo di accoglienza di ogni diversità.

Esperienze lavorative

Giada Bianchi ha lavorato come arredatrice di interni prima per passare in una redazione giornalistica poi, attraversando nel contempo teatro, pittura, scultura, fotografia, illustrazione, scrittura, consulente Feng Shui e blogger, senza dimenticare tutto ciò che è stato in grado di stuzzicare la sua curiosità, per puro piacere o necessità personale.

Disegna, dipinge, fotografa, elabora grafiche al computer e scrive nello stile utile al caso.
Queste capacità le hanno permesso di:

  • lavorare nel Social Media Team del Festival del cinema di Locarno
  • scattare gallery per la Radiotelevisione svizzera durante i mondiali di sci 2017 a St. Moritz
  • essere scelta fra i 10 artisti ticinesi presenti sul numero di Mag Magazine 2017
  • fare da giudice per il concorso fotografico "il tempo" indetto dalla banca Raiffeisen Mendrisio
  • scrivere le poesie inserite a fronte di ogni capitolo del libro Nel segno di Gabriela Hess
  • esporre i dipinti in diverse location
  • scattare le fotografie del Festival Ticino in danza 2017
  • tramutare un workshop di progettazione urbanistica in contenuti social
  • intervenire sul vestito indossato da Sandy Altermatt durante l'Estival Jazz di Lugano
  • realizzare contenuti creativi per il sito e i social network della Masaba Coffee
  • seguire l'Ufficio stampa della Festa danzante Ticino 2016
  • ideare logo e immagine di numerose altre attività
  • collaborare con altri artisti in lavori comuni
  • scrivere articoli per realtà culturali tra cui Il Caffè, L'informatore, Timmagazine e Il Bernina.

... senza dimenticare l'aggiornamento costante dei profili social personali. 

Non di solo blog

Mi trovi anche su:

Facebook  e Instagram e Linkedin

Iscriviti alla Newsletter

Uno scambio nel pieno rispetto della privacy.

Mi iscrivo